Scultura raccontata alla GAM

Presentazione del libro di Pietro Consagra “Vita mia”, mercoledì 30 maggio ore 18.30 alla Galleria d’Arte Moderna di Milano, Via Palestro 16, Sala da ballo.

Intervengono: Luca Massimo Barbero, autore della postfazione, Mario Cucinella, Alberto Fiz, Andrea Kerbaker

Pietro Consagra (Mazara del Vallo, 6 ottobre 1920 – Milano 16 luglio 2005) è uno scultore universalmente noto per l’originalità delle sue proposte e delle sue realizzazioni.
In queste pagine, pubblicate per la prima volta da Feltrinelli nel 1980 e oggi riproposte da Skira, vuole raccontare se stesso, quel che ha fatto, visto, vissuto, non tanto e non soltanto in quanto artista ma in quanto uomo. In un’esposizione assai sobria ma mai reticente, Consagra ci dice la sua vita: Mazara del Vallo, suo luogo natio, l’infanzia e la giovinezza nella povertà e al tempo della guerra; la scoperta delle potenzialità d’arte che erano in lui, i primi disegni, le prime sculture, lo sbarco degli Alleati in Sicilia; il trasferimento a Roma nel ’44, la milizia nel Partito comunista nell’immediato dopoguerra, i sodalizi e le inimicizie, le propensioni e le idiosincrasie, le polemiche a proposito della questione del “realismo” e dell’“astrattismo”; il distacco dal Pci e anzi dalla politica militante; il matrimonio con un’americana, i figli, il successivo venir meno della compagine famigliare; l’incontro con un’altra compagna e con una nuova comprensione del rapporto con la donna – e l’affermazione sua personale, intanto, nel contesto dell’arte internazionale, sino al 1980.
Destano grande interesse le pagine dedicate alla “politica culturale” nell’area della sinistra del primo dopoguerra. La ricostruzione di Consagra è la prima che ne dia conto dall’interno non senza qualche sobrio ricorso a un’aneddotica che ci restituisce al vivo personaggi e situazioni di quell’epoca.
Una scelta di fotografie e di disegni documenta momenti fondamentali della vita e della produzione di Consagra, e una compendiosa scheda finale indica le fasi e le ragioni della sua traiettoria d’artista.

Pietro Consagra
Vita mia
Skira 2017,
176 pagine, brossura
ISBN 978-88-572-3555-4
€ 16,00

 

 

INDIA. Il Ramayana: le grandi gesta di un Avatar

Giovedì 31 maggio ottavo incontro del ciclo
“Capolavori dal Mondo”
incontri letterari nei 9 Municipi
a cura delle associazioni delle comunità internazionali presenti a Milano
 
Un progetto promosso da
Ufficio Reti e Cooperazione Culturale del Comune di Milano
in collaborazione con Forum della Città Mondo
 
giovedì 31 maggio ore 18
Biblioteca Sicilia
Via Sacco 14 (Municipio 7)
 
INDIA. Il Ramayana: le grandi gesta di un Avatar
con Vanna Scolari, Marco Briccola e la musica dal vivo di Ashanka Sen al sitar
 
Il Ramayana, il grande poema epico dell’India antica che racconta la vita e le gesta di Rama, avatar del dio Vishnu, e della sua sposa Sita, è amato, recitato e studiato da ogni indiano. Pervade la vita culturale dell’India negli aspetti più vari, dalla conferenza al teatro, dal balletto alla narrazione di un cantastorie o come favola raccontata ai bambini. Ce lo presenta e legge Vanna Scolari, Marco Briccola parla dell’autore Valmiki e della sua incredibile vita, il musicista indiano Ashanka Sen accompagna i passaggi più importanti del poema con la musica del sitar e legge alcuni versi in lingua hindi. Come sfondo, bellissime immagini e scene di un video che mette a confronto i due personaggi principali con una coppia del mondo moderno.
 

StraStorie ExtraLarge

Dal vivo: 21 marzo, 4 e 18 aprile, 9 e 23 maggio, 6 giugno 2018 (ore 19), al Binario 9 e ¾ della Libreria Covo della Ladra, Milano –
StraStorie ExtraLarge: un romanzo scritto attraverso l’interazione con i lettori
Un format di narrazione condivisa di Valeria Ravera
Con Riccardo Besola, Andrea B. Ferrari e Francesco Gallone
In collaborazione con la libreria Covo della Ladra – Ladra di Libri
Illustrazioni di Guendalina Ravazzoni
Musiche di Alessandro Arbuzzi
Incursioni di Oliviero Ponte Di Pino
Supporto tecnico di Giorgio Paolo Albani

Sul web: www.strastorie.it e facebook.com/strastorie

STRASTORIE: INTERAGISCI CON GLI AUTORI MENTRE SCRIVONO E CONTRIBUISCI AL PROCESSO CREATIVO
Il “Trio della Madonnina” composto da Riccardo Besola, Andrea B. Ferrari e Francesco Gallone, autori di diversi gialli di ambientazione metropolitana, si cimenta nella scrittura di un nuovo romanzo attraverso il confronto con i lettori sul web e nell’ambito di sei incontri organizzati in collaborazione con la Libreria Covo della Ladra di Milano.
StraStorie è basato sull’interazione autori/lettori. Gli autori scrivono un incipit e lo condividono. Fra gli spunti ricevuti dai lettori su come proseguire, scelgono quelli che reputano maggiormente suggestivi e funzionali allo sviluppo della trama, dando vita al tempo stesso a una storia a puntate e a un laboratorio aperto in cui si confrontano, spiegano come procedono e illustrano tecniche narrative e scelte stilistiche.

COME, DOVE, QUANDO
Prendendo le mosse dal racconto realizzato all’interno di “StraStorie – Gialla è la città Edition” per BookCity 2017, Besola/Ferrari/Gallone – R/A/F scrivono l’incipit di un nuovo romanzo. L’incipit viene pubblicato online il 14 MARZO 2018.
I partecipanti possono interagire con gli autori, inserendosi nel flusso narrativo con uno o più contributi anche in corso d’opera, in due modi:
– a tu per tu, in sei appuntamenti (alle ore 19): 21 marzo, 4 aprile, 18 aprile, 9 maggio, 23 maggio e 6 giugno 2018 alla Libreria Covo della Ladra in via Scutari 5, Milano;
– via web (dal 14 marzo, giorno della pubblicazione dell’incipit), postando i propri suggerimenti su www.strastorie.it e www.facebook.com/strastorie o mandando una mail a strastorie@gmail.com.

SCRIVIAMO INSIEME!
A partire dall’incipit, i lettori sono invitati a dare suggerimenti per il prosieguo del romanzo senza porre alcun limite alla fantasia, generando una sinergia che – incontro dopo incontro e puntata dopo puntata – porterà all’appuntamento finale del 6 giugno 2018 in cui la storia giungerà a compimento. I contributi dei partecipanti possono essere proposti sia direttamente agli autori durante gli incontri dal vivo, sia tramite il web. Gli autori attingono ai suggerimenti ricevuti per procedere nella scrittura e danno ai lettori feedback dell’evoluzione della storia e delle soluzioni narrative adottate, affiancando gli appuntamenti live all’interazione in rete.

STRASTORIE È:
Un format di scrittura innovativo, sperimentale, imprevedibile.
Una sfida letteraria che stimola gli autori a mettersi in gioco e coinvolge i lettori in prima persona.
Un laboratorio di scrittura in cui i partecipanti possono assistere dall’interno al processo di creazione e interagire in corso d’opera con gli autori.
Un progetto indipendente in continuo divenire e libero di svilupparsi in qualunque direzione.
Un nuovo modo di fruire la scrittura e la lettura attraverso il web e i social.

www.strastorie.it
facebook.com/strastorie

 

DIWAN MEDITERRANEO: la poesia araba e la sua influenza in Italia e in Spagna

Giovedì 17 maggio il settimo incontro del ciclo
“Capolavori dal Mondo”
incontri letterari nei 9 Municipi
a cura delle associazioni delle comunità internazionali presenti a Milano

Un progetto promosso da
Ufficio Reti e Cooperazione Culturale del Comune di Milano
in collaborazione con Forum della Città Mondo

_____________

giovedì 17 maggio ore 18
Mercato Comunale
Viale Monza 54
DIWAN MEDITERRANEO: la poesia araba e la sua influenza in Italia e in Spagna
con Wael Farouq, Carmen Covito, Silvia Rudel, Edda Pando, Peppe Buono
in collaborazione con Radio NoLo

Il termine arabo dīwān può significare raccolta di poesie, ma anche il luogo in cui ci si raduna o si ricevono gli ospiti. In questo nostro incontro il luogo è il Mediterraneo, dove la poesia italiana delle origini e la lirica araba si scambiarono influssi e temi, il gusto delle allitterazioni, il canto dell’amore inappagato. Le opere di scrittori come il siciliano Ibn Hamdis o l’andaluso Ibn ’Arabi trovarono corrispondenze nelle poesie della Scuola Siciliana e degli stilnovisti: Jacopo da Lentini, Pier delle Vigne, Cavalcanti, Dante. Ascolteremo nelle loro lingue queste poesie che arrivano dal mondo antico, ma anche alcune “gacelas” del “Diván del Tamarit”, ultima opera di Federico García Lorca che nell’Andalusia del Novecento volle e seppe rivivere in maniera moderna la tradizione araba.
Insieme al professor Wael Farouq (Università Cattolica di Milano) e alla scrittrice Carmen Covito, leggeranno i testi poetici Silvia Rudel, Edda Pando, Peppe Buono. In collaborazione con la webradio del quartiere, Radio NoLo.

Rimbaud e la vedova

Giovedì 10 maggio alle 18.30 al nuovo Circolo dei Lettori di Milano a Casa Manzoni, in Via Morone 1, si terrà la presentazione del libro RIMBAUD E LA VEDOVA di Edgardo Franzosini, SKIRA editore.

Con l’autore intervengono il poeta Valerio Magrelli e lo scrittore Hans Tuzzi.

Il libro racconta il periodo, tra l’aprile e il maggio 1875, in cui il grande poeta arrivò a Milano proveniente da un rocambolesco viaggio a piedi dalla Svizzera e fu ospitato e accudito da una misteriosa vedova abitante in piazza Duomo 39, dove oggi c’è la Rinascente. In quello stesso 1875, Rimbaud decise di abbandonare per sempre la poesia, trasformandosi, per dirla con Mallarmé, in “qualcuno che era stato lui, ma che non lo era più, in nessun modo”.

Franzosini ne racconta la vicenda con sapienza rendendola avvincente, pur basandosi su pochissimi documenti reali.

Dopo l’incontro sarà possibile effettuare una visita guidata gratuita al primo piano di Palazzo Anguissola delle Gallerie d’Italia, sede museale di Intesa Sanpaolo, con le vedute del Duomo e di Milano.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Edgardo Franzosini è nato in provincia di Lecco. Vive a Milano. Ha pubblicato: Raymond Isidore e la sua cattedrale (Adelphi) Premio l’Inedito e Premio Procida-Elsa Morante, Bela Lugosi. Biografia di una metamorfosi (Adelphi) Premio Fimcritica, Sotto il nome del Cardinale (Adelphi), Sul Monte Verità (Il Saggiatore), Questa vita tuttavia mi pesa molto (Adelphi) Premio Comisso e Premio Dessì, Il mangiatore di Carta (Sellerio). I suoi libri sono stati tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti. Collabora con “la Repubblica”.

Valerio Magrelli è poeta, traduttore, saggista e ordinario di Letteratura francese all’Università di Cassino. Ha pubblicato Poesie (1980-1992) e altre poesie (Einaudi 1996), oltre a numerosi saggi critici e opere in prosa. La sua ultima silloge è Il sangue amaro (Einaudi 2014).

Hans Tuzzi è autore di saggi sul libro antico e di celebri gialli ambientati a Milano, il cui protagonista è il commissario Melis. Tra le ultime opere, La belva nel labirinto (Bollati Boringhieri 2017). Per SKIRA ha pubblicato Morte di un magnate americano (2013), Il mondo visto dai libri (2014) e Città di mare con nebbia (2015).